Crasà SRC

Crasà SRC

Il nome SRC è un'idea geniale: le iniziali di Sandra, la figlia, Rori, la mente e Cinzia, la moglie. Leggendolo e scandendo bene le consonanti, però, SRC diventa anche un messaggio di speranza e coraggio, nonché il mantra che Rori ebbe quando decise di investire sul Vulcano più bello del mondo: esserci!

Tra le vigne sono presenti gli ulivi e le pecore possono pascolare liberamente mangiando le erbe spontanee all’interno del vigneto. Rori è uno strenuo sostenitore di quanto sia importante che la natura faccia il suo corso, per questo ha deciso di essere il meno interventista possibile assecondando la vigna e portandola a dare dei risultati degni di nota. Vini eleganti e seducenti a ogni sorso.